Wow, il portale che trova lavoro ai ragazzi con sindrome di Down

Come una piacevole meraviglia. Il nome del progetto, Wow, coglie nel segno, lasciando immaginare lo stupore per un’assoluta novità nell’ambito delle associazioni impegnate per le persone con sindrome di down. “Wow! Wonderful Work” è il nuovo portale per l’integrazione sociale e lavorativa delle persone con un cromosoma in più. Un’idea nata dall’associazione Capirsi Down di Monza, con la collaborazione di Agdp (Associazione Genitori e Persone con sindrome di Down) e l’associazione milanese Vivi Down. In pratica, attraverso strumenti digitali e non, un network connette fra loro persone e aziende per dare così una opportunità lavorativa a chi ha la sindrome di Down e troppo spesso, secondo schemi rigidi e superati, può al massimo permettersi di essere impiegato in lavori manuali, semplici e ripetitivi.

Ma facciamo parlare direttamente i promotori del progetto Wow:

wow_logo
LA PREMESSA

Oggi molte persone con sindrome di Down vogliono e possono lavorare, creando valore per l’ambiente lavorativo nel quale vengono inserite. Si tratta di una consapevolezza tangibile.
Esperienze televisive come Hotel 6 stelle ne sono una testimonianza diretta e la diffusione sui social di immagini e la campagna video, promossa da Coordown, aventi per protagoniste persone con sindrome di Down testimoniano un nuovo modo di percepire la persona e le sue abilità.

I nostri obiettivi

  • Condurre un’analisi sistematica del potenziale delle persone con sindrome di Down tra i 18 e i 28 anni
  • Incrementare l’integrazione sociale e lavorativa delle persone con sindrome di Down
  • Costruire percorsi di vita che valorizzino capacità e sviluppino competenze in relazione ai talenti di ciascuno.
  • Creare valore per le aziende che decidono di assumere una persona con sindrome di Down
  • Misurare l’apporto della persona in un contesto lavorativo
  • Individuare nuove figure professionali adatte a persone con sindrome di Down
  • Fare cultura tra i selezionatori del personale affinché conoscano le potenzialità delle persone con sindrome di Down
WOW_Associazioni_2IL NOSTRO STRUMENTO PRINCIPE

Questo portale, destinato alle persone con sindrome di Down e dedicato al mondo del lavoro.
Un portale utile e necessario per integrare gli sforzi di tutti: famiglie, associazioni, operatori, istituzioni, aziende, affinché tutti possano trovare un punto di riferimento su questo argomento.
Il canale digitale ci permette di comunicare con tutti in maniera veloce e immediata.

3 FASI PER REALIZZARE I NOSTRI OBIETTIVI
Fase 1 – Conosciamoci e contiamoci.

Quante persone con sindrome di Down stanno cercando lavoro?
Quanti hanno le carte in regola per poter lavorare?
Che lavoro vorrebbero fare?
Che lavoro potrebbero fare?
Quali sono le loro competenze, i talenti, le ambizioni, i sogni?

Cercheremo risposte ai nostri quesiti, partendo per il momento da un’area definita: il territorio di Milano e della Provincia di Monza e Brianza.
Vogliamo conoscere e fotografare in maniera macroscopica la presenza sul territorio delle persone con sindrome di Down attraverso:

  • incontri che diffondano il nostro progetto
  • l’iscrizione al portale delle persone con sindrome di Down, dei selezionatori di personale, delle aziende e delle associazioni
  • l’incontro con una squadra di selezionatori del personale con professionalità ed esperienza consolidate.
Fase 2 – Progettiamo con le aziende

Dopo avere fotografato lo stato del territorio, apriremo un dialogo con aziende partner, istituzioni e enti accreditati, al fine di avviare percorsi formativi mirati all’inserimento lavorativo e esperienze lavorative dedicate.
Vogliamo Intercettare l’offerta formativa, sia pubblica che privata, capace di sviluppare i talenti di ciascuno e creare percorsi formativi ad hoc. L’interazione con esperti di formazione e selezione del personale ci permetterà di individuare figure professionali nuove che possano mettere in evidenze il valore delle persone con sindrome di Down.

Fase 3 – Misuriamoci

E dopo un’esperienza in azienda…
Come si è modificato l’ambiente lavorativo?
Sono migliorate le performance del management?
Quale è stato il valore sia per il cliente interno che per il cliente esterno dal momento in cui è stata inserita una persona con sindrome di Down?
Con una società di consulenza partner misureremo le performance in azienda delle persone con sindrome di Down.

wow1

Lascia un commento