Pierre-Henri, un cuoco down all’Eliseo

«Ha cambiato tutto, non eravamo molto abituati agli abbracci»

PIERRE-HENRI. Per tre giorni, guidato dallo chef Guillaume Gomez, i piatti più raffinati della Francia sono stati preparati da Pierre-Henri Masson, cuoco di 23 anni, affetto dalla Sindrome di Down. Pierre-Henri è potuto entrare all’Eliseo dalla porta principale perché ha vinto il primo premio a “Gourm’hand”, concorso di cucina per portatori di handicap.

Pierre-Henri-Masson-hollandeUNA RIVOLUZIONE. «Quando è venuto a conoscenza del concorso, è venuto da me, determinatissimo, e mi ha detto: “Voglio partecipare”», racconta Stéphane Le Goff, maestro di Pierre-Henri al ristorante Les Pifaudais, specializzato nell’assunzione e formazioni di ragazzi con la trisomia 21. «Ero motivato, ho lavorato duro con Stéphane», aggiunge Pierre-Henri, che con il suo atteggiamento ha rivoluzionato l’atmosfera nella cucina presidenziale: «Ha cambiato tutto, non eravamo molto abituati agli abbracci», ha commentato lo chef di Hollande.

«GRAZIE A NOSTRO FIGLIO». Pierre-Henri ha cucinato martedì per Hollande una faraona: «Sto vivendo un sogno», ha dichiarato ai giornalisti il giovane. «Mio nonno era cuoco nella Marina. È per lui che sto facendo tutto questo: se mi vede da lassù, sarà fiero di me». Il presidente della République si palesa nel salone Murat alla fine del Consiglio dei Ministri e oltre a Pierre-Henri, accoglie all’Eliseo la sua famiglia. «Ma vi rendete conto? Siamo stati invitati all’Eliseo grazie a nostro figlio. Siamo così fieri di lui», si entusiasma la madre Sergine Masson.

Pierre-Henri-Masson-hollande3

«TUTTO È POSSIBILE». Alla cerimonia Pierre-Henri abbraccia tutti: il suo mentore Stéphane, lo chef Gomez e poi anche Hollande. Il presidente commenta, visibilmente commosso: «Questo concorso dimostra che tutto è aperto, tutto è possibile. Questo è un messaggio stupendo che mandiamo a tutto il paese». Chissà se, dopo questo incontro, Hollande non decida di rivedere la politica della Francia, che è «il paese leader nell’eliminazione dei bambini con trisomia 21 prima della loro nascita (96%)».

Ad agosto, addirittura, l’autorità televisiva francese aveva definito «inappropriata» la diffusione di uno spot (“Cara futura mamma”), colpevole di mostrare che la vita di un ragazzo down può essere bella, come quella di Pierre-Henri: «Questo [spot] era suscettibile di causare problemi alla coscienza delle donne che, nel rispetto della legge, hanno fatto scelte di vita differenti».

Lascia un commento